• Accreditato da
  • Partner
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Secondo la definizione del Ministero della Salute, i probiotici sono “microrganismi vivi e vitali che conferiscono benefici alla salute dell’ospite quando consumati, in adeguate quantità, come parte di un alimento o di un integratore”. Negli ultimi anni, sia tra gli operatori sanitari che nel pubblico, è cresciuto l’interesse per i prodotti con queste caratteristiche, con un aumento dell’offerta commerciale a cui tuttavia non sempre corrispondono adeguati supporti di evidenza e informazione scientifiche.

In questo contesto complesso e in evoluzione, il Farmacista deve da un lato orientarsi rispetto alle proposte delle aziende, definendo il ventaglio di prodotti da tenere nel proprio magazzino, e dall’altro, in qualità di professionista della salute sul territorio, supportare il paziente in una scelta informata. Il corso ha l’obiettivo di aiutare il Farmacista in questo suo duplice impegno di selezione e consiglio dei probiotici.

Allo scopo, esso offre innanzitutto una panoramica aggiornata e rigorosa del razionale alla base dell’impiego dei probiotici e degli altri biomodulatori del microbiota, attraverso una presentazione della natura e delle funzioni di quest’ultimo e delle correlazioni tra disbiosi e disordini gastrointestinali ed extraintestinali. Con il supporto dell’evidenza di letteratura e delle raccomandazioni delle linee guida, sono quindi illustrati in dettaglio i disordini del bambino e dell’adulto in cui il ricorso a specifici ceppi probiotici si può dimostrare di beneficio. Infine, con riferimento a quanto disposto dalle autorità regolatorie nazionali e internazionali, il corso propone indicazioni circa i criteri e gli strumenti attraverso cui il Farmacista può valutare, selezionare e consigliare in modo razionale un determinato probiotico.

Programma

Microbiota intestinale: “organo batterico” e biomodulatori

Vito Leonardo Miniello (durata prevista: 2,5 ore)

Al momento della nascita un numero enorme di microrganismi, prevalentemente batterici, colonizza vari distretti del corpo umano con distribuzione sito-specifica (cute, vie aeree superiori, tratto uro-genitale e soprattutto tubo digerente), costituendo comunità note con il termine “microbiota”. La maggior parte di essi la si ritrova nel colon (microbiota intestinale), dove il complesso ecosistema della biomassa “dialoga” e interagisce con l’organismo ospite attraverso uno stretto rapporto simbiotico mediato da metaboliti e dal ricco corredo genetico batterico (microbioma).

Come illustrato in questo primo modulo didattico, una mole di evidenze scientifiche attribuisce al microbiota intestinale il ruolo di “organo batterico”, metabolicamente e immunologicamente attivo, capace di interagire con l’organismo ospite e garantire vantaggiosi funzioni locali e sistemiche, quali protezione verso patogeni, fisiologici pathway metabolici, modulazione delle risposte immunomediate, prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, sviluppo cerebrale e comportamento.

L’idea di poter “manipolare” vantaggiosamente la composizione microbica intestinale deve la paternità scientifica a Ilja Metchnikoff e rappresenta a tutt’oggi il razionale preventivo e terapeutico nell’adozione dei cosiddetti “biomodulatori del microbiota intestinale” (Miniello): probiotici, prebiotici, simbiotici e post-biotici.

 

Applicazioni cliniche dei probiotici in età pediatrica

Vito Leonardo Miniello (durata prevista: 2 ore)

La somministrazione dei probiotici è risultata essere vantaggiosa nella prevenzione e/o trattamento di patologie gastrointestinali sia organiche che funzionali:

  • disordini funzionali gastrointestinali (DFGI);
  • diarrea acuta infettiva;
  • diarrea associata ad antibioticoterapia;
  • malattia da Clostridium difficile;
  • infezione da Helicobacter pylori;
  • malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI).

Il modulo presenta e discute le evidenze a supporto dell’impiego dei probiotici nelle condizioni sopra descritte, con un focus specifico sui dati relativi a bambini e adolescenti.

 

Probiotici e malattie gastroenterologiche dell’adulto

Renzo Gullotta (durata prevista: 2 ore)

In ambito gastroenterologico esistono nell’adulto varie condizioni patologiche, o comunque di alterata funzione, in cui è stata dimostrata disbiosi intestinale, e conseguentemente in tali ambiti è stata sviluppata una corposa ricerca sull’azione dei probiotici: l’irregolarità intestinale di tipo stitico; la diarrea acuta, quella da antibiotici e da Clostridium difficile; l’eradicazione dell’Helicobacter pylori; la sindrome dell’intestino irritabile; la malattia diverticolare sintomatica non complicata; la sepsi post-operatoria in chirurgia addominale elettiva; la rettocolite ulcerosa (e la pouchite post-colectomia totale) e l’intolleranza al lattosio. Anche in ambito epatologico esistono delle condizioni dove l’uso dei probiotici potrebbe apportare effetti vantaggiosi, come l’encefalopatia epatica, la steatosi epatica non alcolica e la steato-epatite epatica non alcolica. In questo terzo modulo didattico si fa quindi accenno alle situazioni sopra descritte, analizzando di ognuna possibilità di impiego dei probiotici.

 

Valenza dei probiotici nelle situazioni cliniche extraintestinali dell’adulto e dell’anziano

Aurelio Sessa (durata prevista: 1 ora)

Nell’immaginario generale quando si parla di probiotici si pensa quasi esclusivamente all’ambiente del tratto gastrointestinale perché è in quella sede che vive il microbiota ed è proprio in quell’ambito dove è stato meglio studiato e svolge le sue principali funzioni.

La barriera intestinale, che il microbiota contribuisce a mantenere integra e funzionante, esercita un’attività modulatrice su altri sistemi vitali ed è una sorta di cancello che, quando violato per vari motivi (disbiosi), comporta una ripercussione a livello sistemico che va ad interferire sull’ordine biologico di altri organi e apparati.

Il modulo passa in rassegna le situazioni cliniche extraintestinali dell’adulto e dell’anziano che possono essere coinvolte nelle disbiosi intestinali.

 

Criteri di selezione dei probiotici in Farmacia e di corretto consiglio al paziente

Corrado Giua Marassi (durata prevista: 1,5 ore)

La continua evoluzione scientifica, l’ampia disponibilità di prodotti e l’incremento delle vendite di integratori contenenti probiotici in Farmacia, hanno concorso a disorientare il Farmacista sia nella scelta del prodotto dai suoi fornitori che nel guidare il paziente nella corretta scelta del giusto probiotico secondo le esigenze riferite.

La novità e la vasta richiesta nel mercato di questi integratori hanno infatti colto il Farmacista impreparato nella loro gestione. Numerosi studi hanno dimostrato la grande differenza esistente tra i diversi ceppi in termini di indicazione benefica e vitalità; non rara è anche la presenza di discrepanze qualitative e quantitative rispetto a quanto riportato sull’etichetta di vari integratori alimentari probiotici. Il modulo didattico intende fornire al Farmacista dei validi e fruibili strumenti nella corretta scelta del prodotto a monte dall’acquisto in Farmacia, ma anche nel corretto orientamento del giusto probiotico per il trattamento della particolare esigenza del paziente. Strumenti supportati da solide basi di letteratura scientifica e dalle più autorevoli linee guida EBM.

 

Focus ON: il parere degli Esperti

A cura di tutta la Faculty (durata prevista: 1 ora)

Attraverso brevi interventi video dei docenti del corso, in forma di interviste, quest’ultimo modulo offre 4 focus su specifiche condizioni e questioni legate al consiglio dei probiotici, utili per un approfondimento scientifico e di possibile interesse per la pratica quotidiana del Farmacista.

 

Informazioni

Obiettivo formativo

2 - Linee guida - Protocolli - Procedure

Mezzi tecnologici necessari

Per poter seguire il corso FAD l'utente dovrà disporre di un Personal Computer e di una connessione a Internet. Non sono richiesti Software specifici, e la fruizione del corso è garantita utilizzando un qualsiasi browser di navigazione Internet.

Procedure di valutazione

La valutazione dell’apprendimento avviene con questionario a risposta multipla. È infine previsto un questionario di gradimento per i partecipanti.

Descrizione modulo formativo

Il corso FAD si sviluppa in 5 moduli didattici principali, i cui contenuti sono offerti tramite videolezioni dei docenti con diapositive di supporto. Completa il percorso un modulo con focus tematici su condizioni o questioni legate al consiglio dei probiotici in Farmacia.

In una dispensa in formato PDF, scaricabile e stampabile per una più agevole e meditata consultazione, sono riproposti i contenuti delle videolezioni e dei focus in forma testuale, con approfondimenti e ulteriore iconografia di supporto, insieme a una bibliografia di riferimento e a schede infografiche riassuntive.

Responsabili

Responsabile Scientifico

  • Dott. Corrado Giua Marassi
    Farmacista Clinico, Cagliari Presidente della Società Italiana di Farmacologia Clinica (SIFAC)

Docente

  • Dott. Corrado Giua Marassi
    Farmacista Clinico, Cagliari Presidente della Società Italiana di Farmacologia Clinica (SIFAC)
  • Dott. Renzo Gullotta
    Responsabile Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, Clinica San Carlo, Paderno Dugnano (MI)
  • Dott. Vito Leonardo Miniello
    Docente di Nutrizione Pediatrica Università di Bari. Vice Presidente Soc. Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS).
  • Dott. Aurelio Sessa
    Medico di Medicina Generale, Varese Specialista in Medicina Interna Società Italiana di Medicina Generale (SIMG)

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Farmacista

  • Farmacia territoriale
leggi tutto leggi meno

Allegati